Parlare con le linee: Saul Steinberg Milano – New York

di Web Staff

Compasses Magazine

Il 15 ottobre è stata inaugurata alla Triennale di Milano la mostra “Saul Steinberg Milano – New York”, un omaggio a uno dei più grandi illustratori del Novecento capace di restituire attraverso il disegno il mondo sovversivo e complesso che ha caratterizzato l’Italia e l’America nel XX secolo.

La sua formazione da architetto avvenuta al Politecnico di Milano segna indistinguibilmente il tratto e la visione da artista. Con l’avvento delle Leggi Razziali si rifugia a New York dove inizia a lavorare come vignettista per alcuni dei principali periodici statunitensi “Life, “Time”, “New Yorker” e “Harper’s Bazaar” fino al 1999, anno della sua morte.
Nel 1954 ritorna in Italia e collabora con i BBPR, in particolare con Ernesto Nathan Rogers per la rivista Domus.

La mostra curata da Italo Lupi, Marco Belpoliti e Francesca Pellicciari, con la casa editrice Electra, mette in scena i disegni a matita, a penna e ad acquerello, documenti e fotografie capaci di esplicitare l’articolazione del contributo di Steinberg in una selezione resa possibile dal contributo della Saul Steinberg Foundation e di diverse istituzioni, collezionisti e amici dell’illustratore.

La mostra accoglie circa 350 opere in prestito, provenienti dalla Saul Steinberg Foundation, il Jewish Museum e la Hedda Sterne Foundation di New York, il Museum of Fine Arts di Boston. Ma il cuore dell’esposizione è rappresentato dai 4 leporelli creati da Steinberg per il Labirinto dei ragazzi, opera dei BBPR nel Parco Sempione nel 1954 in occasione della X Triennale. In questi disegni si esplicitano temi e ricerche che l’artista svilupperà per tutta la sia carriera.

Le opere, visitabili fino al 13 marzo 2022, sono accompagnate da un denso e ricco catalogo Steinberg A-Z a cura di Marco Belpoliti, edito da Electa, che sistematizza e racconta la vita e le opere dell’artista romeno.

Photo credits

1_ Saul Steinberg, Untitled, 1965 © The Saul Steinberg Foundation/Artists Rights Society (ARS) New York

2_ Evelyn Hofer, Saul Steinberg with his hand, New York 1978, © Estate of Evelyn Hofer

3_ ©  The Saul Steinberg foundation. Ars New York. Now 1960-1965

4_ ©  The Saul Steinberg Foundation. ARS New York –  Galleria di Milano, 1951, Saul Steinberg

5_ ©  The Saul Steinberg Foundation. ARS New York. Untitled, Saul Steinberg, 1956

6_ Saul Steinberg, Untitled, 1953 ink on paper. Courtesy of MIC – Biblioteca Nazionale Braidense, Milano

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Related Posts

Join our Monthly Newsletter

Sign up to receive the latest updates from Compasses Magazine and get a 40% discount on the annual subscription.